12 mar 2014

Postato da in BOUDOIR, REALITY E SHOW, SEX & LOVE, Tendenze | 3 Commenti

La Mala Educaxxxion: eros e chiacchiere senza tabù in tivù

La Mala Educaxxxion: eros e chiacchiere senza tabù in tivù

Metti una serata in cui sei troppo stanca per leggere e scrivere. In cui c’è così poco in tivù, da trovare eccitante l’ennesima replica di Sex and the city. Non fai in tempo a fare zappig e ti imbatti nella prima puntata de La Mala Educaxxxion , un programma in onda su La 7 e che promette “sesso e eros senza tabù”.
Vista l’ora e la scarsa vitalità per preferire alla teoria i fatti, mi fermo e guardo.
A condurlo, una bella ragazzotta bionda dalla pettinatura perturbata, che scopro da Internet rispondere al nome di Elena di Cioccio. Da Internet scopro anche che il titolo di questa prima puntata “I cinque sensi”, è identico a quello della prima puntata della serie dell’anno scorso, ed il dubbio sorge spontaneo: che sia anche questa una replica?
Tant’è… tanto io non lo avevo visto né l’anno scorso né i due precedenti.
Il talk show prevede un pubblico prettamente femminile a cui si aggiunge una contenuta quota azzurra per rispondere, tutti insieme appassionatamente, alle domande dirette e senza rete della conduttrice sul sesso: da quello vissuto, una coppia ci apre la porta della loro camera da letto, a quello preferito o desiderato: uomini e donne elencano con dovizia di particolari e zero peli sulla lingua, preferenze e desiderata.
Il tutto condito da qualche battuta goliardica, tante confidenze intime e un linguaggio che, senza mai scadere nella volgarità, tra “pecorine” e fini metafore, indulge talvolta ad un pecoreccio soft.
Guardo il programma fino alla fine e la prima cosa che mi viene in mente è che, se l’obiettivo era il gusto di condividere argomenti piccanti, c’è molto più intrigo e più materia piccante in una qualsiasi cena con le mie amiche dopo qualche boccia di vino.
Sarò io ad essere strana, ma la condivisione di intimità a comando e tra estranei non mi convince e non mi intriga. Non la trovo liberatoria e tantomeno originale. Casomai un filo voyeristica: mentre i due fidanzati parlavano delle modalità dei loro amplessi mi sentivo un po’ spiona. Altro che intrigata!!
Ci sono in realtà pensieri, desideri e fantasie che spesso le donne non raccontano neppure a se stesse e che portano la testa ben più lontano della condivisione di gusti e posizioni. Perché liberarsi dai tabù, parliamoci chiaro, non equivale a liberarsi di un paio di slip, ma a liberarsi da tutti quei preconcetti, condizionamenti, sensi di colpa e del dovere che ci sono dietro a tanto sesso…vissuto, desiderato, immaginato.
Martedì prossimo, se il mio intuito non mi tradisce, l’appuntamento è con “Le trasgressioni domestiche” e voglio vedere se, tra una “sveltina” con il marito sulla lavatrice, e una “pecorina” col fidanzato in cantina, qualcuna avrà il coraggio di raccontare una limonata con l’idraulico in cucina…mentre il marito è in ufficio.

  1. vincenzo scrive:

    Salve sono un uomo di 42 anni parlando con un amico sono venuto a sapere di questa trasmissione (la mala educaxxxion) su la7, e sono molto curioso di vederne le puntate, vorrei sapere dove posso scaricarle o richiederle, visto che sono iniziate nel 2011. un grazie anticipato per la vostra collaborazione

    • Ciao Vincenzo, credo tu possa trovare le vecchie puntate utilizzando un motore di ricerca e digitando il titolo della trasmissione…non è difficile.

  2. Daniele scrive:

    Ciao sono Daniele, sono un ragazzo di 24 anni. MI piacerebbe mandare una domanda alla trasmissione. Certo, capisco che valuteranno se è interessante, ma vorrei provare a mandare una domanda. come faccio?

Lascia un commento