15 feb 2017

Postato da in ART & CO, Donne (stra)ordinarie | 0 Commenti

REGINA DI CUORI

REGINA DI CUORI

cuore sciolto Li ho scelti più di una volta come immagine dei miei post  e li sceglierei anche come sfondo  su cui proiettare tante delle pagine che ho scritto nei miei libri: sono i cuori di Alessandra Pierelli. Pittrice e artista poliedrica  di origine marchigiana che del cuore ha fatto uno degli elementi chiave della poetica alla base della sua arte. Dipinti su tela o  tridimensionali, grandi o piccoli, i suoi cuori raccontano l’alterna vicenda dei sentimenti e delle emozioni di uomini e donne di ogni tempo. E a renderli contemporanei la scelta dei materiali: dai colori acrilici ai nastri da imballaggio per i quadri materici, al polistirolo, la rcuore rossoesina e le puntine da disegno per le sue sculture chiuse in scatole di plexiglass. Materiali fusi e mixati  tra loro  e con il colore in modo da restituirci con un impatto molto diretto tutto lo spessore e al tempo stesso la poliedricità, l’ambivalenza del sentimento dell’amore che essi raccontano.  A cominciare dalla texute di puntine che ricopre tante  delle sculture dei cuori: lucide, lisce e colorate fuori, per poi nascondere un’anima pungente, capace di entrare in profondità e anche di fare male, come spesso l’amore.
Ma i miei preferiti restano i quadri della serie “Fragile”: grandi cuori dipinti con tecnica mista e in cui si fondono tutti gli interrogativi e le complessità che popolano il territorio dei sentimenti e delle emozioni: il cuore appunto. Sospesi tra logica e incognite, tra gioia e tormento, meravigliosa sintesi tra la drammatica intensità dei colori materici e la freddezza dello scotch industriale da imballaggio a tenerne insieme i pezzi, i cuori di Alessandra rappresentano una delle più efficaci raffigurazioni del cuore delle donne e degli uomini che tra sogni e realtà, tra slanci e attese, tra entusiasmo e fragilità non rinunciano al privilegio di amare.

www.alessandrapierelliart.comcuori in scatolaCuori

Lascia un commento